Archivi mese febbraio 2014

12 anni schiavo di Steve McQueen

12-anni-schiavo

” Una storia vera impone rispetto, non permette eccessi d’invenzioni visuali “.

Così Steve McQueen ha dichiarato in una recente intervista quando gli veniva fatta notare la sua “ritirata classica” in 12 anni schiavo. Al di là del giudizio personale che si può dare sul film, è evidente che, rispetto alle sue pellicole precedenti ovvero Hunger e Shame, il regista inglese abbia virato a uno stile più tradizionale per raccontare una vicenda – vera, appunto – di schiavitù nell’America del 1841. Quello di 12 anni schiavo è uno stile meno sperimentale e pittorico nella costruzione delle inquadrature, con meno sequenze da video-installazione. Uno stile meno visionario, più al servizio del racconto piuttosto che della ricercatezza d’immagine.

Continua

Philipp Seymour Hoffman

In occasione della morte di Philip Seymour Hoffman, OggiBlog.it apre una nuova rubrica di cinema: Sunset Boulevard .

Ogni settimana parleremo della carriera di un grande attore o attrice del passato o prematuramente scomparso.

Non una biografia completa, ma piccole finestre: spezzoni di film, riconoscimenti ed episodi chiave. Tutto ciò che può destare curiosità o ricordo. Nessuna celebrazione o retorica.

Buon viaggio nel viale del tramonto di Philip Seymour Hooffman!

Forse il miglior attore della sua generazione. Era approdato al cinema come  caratterista per via del sua corporatura e lo sguardo da personaggio borderline...

Continua