#4: Love actually

Avete passato un buone feste o il pranzo natalizio vi ha messo ko?

Volete un momento di relax in attesa della tombola o del mercante in fiera?

OggiBlog.it vi regala tre scene cult del film di natale per eccellenza: “Love actually – L’amore davvero” , giunto al suo decimo anniversario.

 

 

Love actually – (129 min) – Commedia

(2003) di Richard Curtis con Hugh Grant, Liam Neeson, Colin Firth, Emma Thompson.

Mancano pochi giorni al natale nella Londra di inizio millennio. Dieci storie si intrecciano all’insegna dell’amore, davvero.

 

BILLY MACK REGISTRA “CHRISTMAS IS ALL AROUND”

Billy Mack, rocker in declino, insieme al suo pingue manager Joe, tenta di lanciare la cover di Love is all around dei The Troggs, cambiando solamente una parola. Inaspettatamente scala la classifica inglese delle hit natalizie promettendo di esibirsi nudo, nel caso arrivasse primo.

http://www.metacafe.com/watch/an-QOH6bJ4thbb7m/love_actually_2003_recording_the_song/

Breve ma intensa, questa scena fa immergere subito lo spettatore in un’atmosfera natalizia non convenzionale. Billy Mack è tutto quello che non ci aspetteremmo in una commedia romantica di natale: volgare, cinico ed eroinomane.

 

IL BALLETTO DI DAVID

David (Hugh Grant), appena eletto Premier è già invaghito della sua segretaria Natalie (Martine McCutcheon) tanto sensuale da subire anche le avances del presidente degli Stati Uniti (Billy Bob Thornton) venuto a ristabilire  prepotentemente i rapporti di forza tra i due paesi. Ma David per amore di Natalie o dell’Inghilterra pronuncia un discorso forte citando i miti di una nazione che non si lascerà schiacciare da questa “special relationship” con l’amico statunitense. La nazione è orgogliosa del suo premier che festeggia la sera stessa con un balletto, sulle note di “Jump for my love” delle Pointers Sisters.


La comicità della sequenza gioca sull’atteggiamento inaspettato del Premier. Abituati a vedere i politici in situazioni formali, lo spettatore ride nell’ammirare l’esagerato balletto, completamente improvvisato da Hugh Grant. La musica dance in sottofondo unita alla “profanazione” delle solenni stanze del numero 10 di Downing Street fa il resto.

La scena si chiude nel migliore dei modi.

 

 

David all’apice della danza ridicola quanto liberatoria, a ritmo di musica, fa il gesto di “I want you” girando su se stesso. Un atteggiamento più simile a una lap dancer che allo Zio Sam. Ma il suo girotondo termina come la musica quando si accorge di essere visto da una delle sue segretarie, ritornando subito serio e formale.

 

MARK E JULIET – TO ME YOU ARE PERFECT

Mark (Andrew Lincoln) è il miglior amico e testimone di nozze di Peter (Chiwetel Ejiofor). Ma non di Juliet (Keira Knightley) la novella sposa di Peter per cui prova un forte astio. Juliet non capisce il perché  fino a quando non vede il contenuto del video delle nozze, girato da Mark e da lui nascosto misteriosamente. Il video è una serie di primi piani di Juliet, segno evidente dell’attrazione di Mark nei suoi confronti, che non può esprimere per non ferire i sentimenti dell’amico Peter.

Mark è andato a casa di Juliet non solo per scusarsi.

Due elementi rendono questa scena unica. La dichiarazione d’amore innovativa quanto romantica , più volte citata come in uno spot di una famosa emittente televisiva italiana e la tragicità di un amore non corrisposto: Mark è prigioniero di un moderno titanismo: ama Juliet, ma lei ha sposato Peter. Lo spettatore si immedesima con il protagonista che non può cambiare la sua disperata situazione. Accetta il suo destino, non prima però di aver detto a Juliet quanto per lui sia perfetta.

Lascia un commento

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current month ye@r day *